Ortaggi surgelati: scoperta la fonte di contaminazione della Listeria

Finalmente è stata individuata l’origine del focolaio infettivo di Listeria monocytogenes, che ha colpito l’Europa.

pochi fagiolini surgelati gratis

Visualizza sito intero

È stata individuata la fonte della contaminazione da Listeria monocitogenes negli ortaggi surgelati, dopo l’allerta scattata nel 2015, che ha richiesto le indagini epidemiologiche dell’EFSA, mediante il sequenziamento del DNA del ceppo batterico.

La Greenyard, azienda belga titolare dello stabilimento di Baja in Ungheria, in cui sono stati prodotti i surgelati contaminati e ritirati dagli scaffali, ha rivelato a Food Safety News di aver rintracciato una persistente presenza di Listeria in un tunnel di surgelazioneche non produrrà più surgelati nell’impianto ungherese, a meno che i test accertino l’assenza della Listeria monocytogenes.  La Greenyard ha deciso di chiudere il tunnel implicato nell’epidemia, che copre circa il 3% del quantitativo confezionato dall’azienda, dopo aver esaminato l’autorizzazione dell’impianto con le autorità sanitarie.

Il focolaio di listeriosi ha interessato sei Paesi (Austria, Danimarca, Finlandia, Regno Unito, Svezia e Australia) e sono risultate contaminate migliaia di confezioni di verdura surgelata che, a partire dal 2015, hanno causato 54 casi di contagio, di cui 10 mortali. L’ultimo caso accertato si è verificato nel maggio 2018.

Inizialmente, gli accertamenti dell’EFSA hanno individuato la contaminazione in alcuni lotti di mais surgelato prodotto in Ungheria e confezionato in Polonia. Successivamente però le verifiche hanno permesso di risalire ad altri prodotti contaminati provenienti dallo stabilimento Greenyard di Baja. Pertanto sono stati richiamati tutti i surgelati prodotti in tale impianto ungherese tra l’agosto 2016 e il giugno 2018 e lo stabilimento è stato chiuso dalle autorità sanitarie per accertarne la fonte della contaminazione. I prodotti a rischio di essere contaminati erano stati distribuiti in 116 Paesi del mondo, tra cui l’Italia, dove è scattato il richiamo per:

  • mais e mix di verdure surgelate vendute da Lidl con i marchi Green Grocer’s e Freshona,
  • quattro minestroni a marchio Findus,
  • verdure surgelate miste a marchio Pinguin.

© Riproduzione riservata