La Commissione europea ha annunciato che entro il 2019 predisporrà la proposta legislativa di un’etichetta europea per gli alimenti vegani e vegetariani, da cui conseguirà l’attuazione normativa. La notizia è stata accolta favorevolmente dall’Unione vegetariana europea (EVU), che insisteva da quasi 10 anni sulla necessità di giungere a questa definizione giuridica, per fornire ai consumatori europei di cibi vegani e vegetariani, alle aziende di produzione e ristorazione e ai venditori al dettaglio, una serie di regole univoche e chiare. In base al “Rapporto Italia 2017” di Eurispes, negli ultimi 4 anni la presenza di vegani anche nel nostro Paese è aumentata notevolmente: dal 2014 al 2017 è quadruplicata, con una crescita più elevata nell’ultimo anno, in cui risulta triplicata passando dall’1% al 3%.

Continua a leggere su Largo Consumo

© Riproduzione riservata